lunedì 29 maggio 2017

Oggi vi racconto... La trappola di Maigret di George Simenon


George Simenon è uno scrittore francese, conosciuto soprattutto per essere il padre del commissario della polizia francese Jules Maigret. Inoltre, è autore di moltissimi romanzi e racconti ed è anche, secondo un database dell'UNESCO, il sedicesimo autore più tradotto di sempre.

La trappola di Maigret  (1955) vede il commissario alle prese con un intricato caso: infatti, negli ultimi sei mesi, ben cinque donne parigine sono state uccise da un uomo misterioso, il quale si serve di poche coltellate e strappa loro i vestiti. La polizia brancola nel buio, non vi sono testimoni, né il serial killer commette errori. 

Personalmente, provo una forte attrazione verso i gialli e i thriller, dal momento che mi piace moltissimo la forza attrattiva che sprigionano, nonché la capacità di costringermi a leggere capitolo dopo capitolo per saziar la mia curiosità. Questo mio primo incontro con il commissario Maigret mi ha piacevolmente soddisfatta e ho concluso la lettura in pochissime ore. Si tratta di un giallo deduttivo, dove è possibile immedesimarsi nelle vesti del commissario e risolvere con lui il caso. 

La trama riguarda il classico omicidio seriale verso le donne, il quale viene svelato grazie ad un intreccio fra un sapiente uso della psicologia e le doti investigative e logiche del commissario e della sua squadra. Infatti, nei romanzi di Simemon, non solo ritroviamo una piacevole e dettagliata evocazione della Parigi dell'epoca ma anche stralci di psicologia, al fine di "giustificare" in tal direzione la mente del reo. 

Consigliatissimo. 

Nessun commento:

Posta un commento